Mauro Pina feat. Francesca Alotta – “Anima sola”


MauroPina&Francesca Alotta

Il duetto fra il cantautore e musicista comasco e l’interprete di “Non amarmi” è una ballad melodica ed emotivamente coinvolgente.

Genere: pop, rock, folk, cantautorato

Label: autoproduzione

Spotify https://open.spotify.com/album/1IjcoUt7Ngkzo7Mhesgyu6

Dopo anni di lontananza dai riflettori torna a splendere la voce di Francesca Alotta in un brano che la vede affiancarsi al cantautore Mauro Pina, che negli ultimi mesi ha raccolto consensi con l’album “L’ho scritto io”. Un pezzo dove le due calde vocalità degli artisti si mescolano a perfezione in un connubio risolto in una ballad melodica italiana emotivamente coinvolgente. Il singolo era stato presentato alle selezioni di Sanremo 2018.

YouTube https://www.youtube.com/watch?v=EElL6WSI0IY

BIOGRAFIA Mauro Pina

Mauro Pina (nato a Erba (CO) – l’11 giugno 1966) è un cantautore, polistrumentista e paroliere italiano. Il suo genere musicale spazia tra pop, rock & roll e soft rock. Compone interamente le sue canzoni suonando personalmente tutti gli strumenti (percussioni, basso, chitarra, pianoforte, armonica, voce). Mauro scrive personalmente gli arrangiamenti di tutte le sue canzoni, registra tutte le voci e le interpreta con uno stile particolare. Le sue melodie preferite sono quelle degli anni ’60. Diventa beatlesiano e lennoniano. A 13 anni è già frontman della sua prima band ed esegue le prime cover rock. I suoi mentori saranno sempre i Beatles.

Nel 2005 il suo tributo ai Fab Four lo porta a Londra a registrare un disco nei mitici Studi di Abbey Road con altre 24 Beatles band italiane. In Italia viene considerato il migliore, ad interpretarla band dalla rivista nazionale “Chitarre”. Nel 2006 apre la sua agenzia musicale, la Dreamcastle, con la quale inizia collaborazioni per organizzazioni di concerti ed eventi musicali con comuni, enti pubblici ed artisti di fama. Nel 2015 l’incontro con un’amica d’infanzia. Lei lo sostiene nel primo progetto musicale: la registrazione di un album di inediti, e come autrice con Mauro, scrivendo buona parte dei testi delle sue canzoni. Infine, grazie alla conoscenza di Efrem Sagrada (ex Celentano’s-Club), il sogno del progetto musicale si concretizza nel 2017 con la pubblicazione del disco “L’ho scritto io”, con special guest Rosalinda Celentano nel pezzo di punta: proprio la ciliegina sulla torta.

Amazon https://www.amazon.it/Anima-sola-Mauro-Pina/dp/B079SWZ62D/

BIOGRAFIA Francesca Alotta

Figlia d’arte (il padre era il noto cantante Filippo Alotta), Francesca Alotta inizia la sua attività di cantante come corista in dischi di vari cantanti italiani, tra cui Mietta, Raffaella Carrà, Marco Masini, Umberto Tozzi, e come vocalist dal vivo (Cristiano Malgioglio, Marco Armani) e come componente de Le Compilations, gruppo musicale per Domenica in nelle edizioni tra il 1988 e il 1990.

Nel 1991 vince il Cantagiro con Chiamata urgente. L’anno seguente vince il quarantaduesimo Festival di Sanremo nella sezione “Novità” con Non amarmi in coppia con Aleandro Baldi. Dal suo primo album Francesca Alotta viene estratto il singolo Fragilità, con cui partecipa al Cantagiro del 1992. Nel 1993 partecipa di nuovo al Festival di Sanremo con Un anno di noi e pubblica l’album Io e te, in coincidenza con la partecipazione a Domenica in come ospite musicale fissa assieme a Fiordaliso. Segue il lancio discografico in Giappone, con una raccolta, e a Cuba, dove resta per diversi mesi in vetta alle classifiche con Yolanda, in duetto con Augusto Enriquez dei Moncada.

Tra il 1995 e il 1997 partecipa come ospite musicale fissa a Buona Domenica. Nel 1997 esce Buonanotte alla luna, album comprendente brani già noti che hanno come oggetto la luna vede collaborazioni con Demo Morselli, Federico Salvatore e Loredana Bertè, che duetta con la Alotta in …e la luna bussò.

Nel 1999 è la protagonista del musical Cenerentola di Tony Cucchiara. Nel 2004 partecipa al talent show Music Farm condotto da Amadeus. Nel 2009 partecipa come concorrente al 10º Festival della nuova canzone siciliana con il brano Lassami perdiri, mentre nel 2010 partecipa all’11º Festival della nuova canzone siciliana, nella categoria “Premio Sicilia”, con la canzone Amuri miu di cui è autrice.

Contatti Social

Facebook http://www.facebook.com/mauropinasinger

Instagram http://www.instagram.com/mauropinasinger

YouTube http://www.youtube.com/channel/UCOn06FZVkEROJYsgZajYgSw

Contatti Blob Agency

www.facebook.com/BlobAgency

antipop.project@gmail.com

Frank Lavorino 3396038451

Annunci

Surak: ritratto un artista originale


 Imbattersi nella musica dei Surak è un’esperienza profonda e inusuale.“Space Invaders” è un lavoro coraggioso e potente, rarefatto e maturo; un risultato ottenuto  da idee precise e non declinabili.Le tracce ricordano una foresta di mangrovie piena di vita,nascosta tra acqua e terra dove la luce penetra fioca e dove la bellezza va ricercata con pazienza. Fermarsi al primo ascolto è il modo migliore per perdere la semplice  complessità che i Surak propongono immettendosi tra gli interstizi non classificabili, né ambient,né colonna sonora, ma soltanto (si fa per dire) atmosfere. I Surak ci propongono una sorta di tela bianca, sulla quale toccherà a noi poter dipingere la  nostra idea.Quello dei Surak è, tra l’altro, un progetto molto recente essendo nato nel 2012 e se è vero che la musica racconta le sensazioni del tempo in cui viene composta,allora “Space Invaders” ricalca molto bene le sensazioni del nostro presente, fatto di silenzi, incertezze, rarefazione e con un orizzonte velato che ci nasconde il futuro.Le 13 tracce del lavoro di Danilo Fittipaldi & soci si muove tra psichedelia,il vasto mondo di Brian Eno,i Tortoise e tanti altri….La malinconia che ne traspare è  di certo catartica ma permette persino  all’ ascoltatore più infimo di lasciare tutto da parte e di  dedicarsi  finalmente alla contemplazione e alla ricerca cerca della bellezza come unica fonte di salvezza.                  Matteo Bellotto

Il progetto Surak nasce nel marzo 2012 per mano di Danilo Fittipaldi. Il 14 giugno esce il primo disco, totalmente autoprodotto. L’album contiene 13 pezzi e i generi principali sono l’ambient, il post-rock, lo space rock, il tutto declinato con sfumature elettroniche. Tra le influenze musicali principali si possono annoverare Brian Eno, Pink Floyd, Mogwai, Radiohead, Archive, Boards Of Canada, Air, David Sylvian, Yann Tiersen, Sigur Ros.

http://www.facebook.com/00Surak00