…perchè Bardino è Bardino”: al via la 7° edizione del Rock Festival ligure


La copertina della 7° edizione del Bardino Festival

Per il settimo anno, la vera alternativa al festival di Sanremo, nella Valmaremola la organizza il Mulino degli Artisti!

È stato infatti da poco definito il cast della settima edizione di “Perchè Bardino è Bardino!”, rassegna dedicata ai gruppi musicali della zona, ormai vero e proprio punto di riferimento per la scena rock del ponente ligure e trampolino di lancio per diversi complessi. Nelle due serate, previste in concomitanza con Sanremo, giovedì 20 e venerdì 21 febbraio, presso la sede di Via Nari a Bardino Nuovo, il Mulino degli Artisti presenterà ben 8 gruppi che proporranno al pubblico in sala le loro composizioni rigorosamente originali.

Ecco i protagonisti:

GIOVEDI’ 20 FEBBRAIO: 4SIXTYFIVE, BRAIN LESS, ANNIE LA ROUGE MARSALA, AUDIOGRAFFITI

VENERDI’ 20 FEBBRAIO: PROGETTO SANTIAGO, 20 DROPOUT, FUSI ORARI, LONDON PRIDE

Ci teniamo molto al festival“, dichiara Silvano Rosso, ideatore e direttore artistico della rassegna, “perché vogliamo dare a chi non trova altri spazi, la possibilità di esibirsi in un contesto dove l’aspetto agonistico lascia sicuramente il passo alla voglia di confrontarsi, di conoscere nuove realtà e di mettersi in gioco come artisti.

Portare al Mulino 8 gruppi che al giorno d’oggi hanno ancora il coraggio di proporre musica propria e non limitarsi alle cover è una sfida rischiosa ma affascinante“, gli fa eco Alberto Calandriello, presidente dell’Associazione Culturale, “ma noi del Mulino siamo più che mai convinti della bontà di questa scelta, perché la creatività, la fantasia e i sogni dei musicisti che passeranno sul nostro palco meritano almeno una chance“.

La nostra associazione promuove ogni forma di cultura e di forma artistica, rendendosi disponibile a collaborare con chiunque abbia delle idee e cerchi un posto dove metterle in pratica. Si sente spesso dire in giro che dalle nostri parti mancano alternative valide per i giovani, ma noi crediamo di dimostrare il contrario, grazie anche alla collaborazione con diverse realtà del territorio, come i Giovani per Pietra e le Officine Creative, con le quali sta nascendo una sempre più proficua amicizia.”

La formula del festival prevede una votazione del pubblico ed una da parte di una giuria “di qualità”, che sarà formata da musicisti, esperti del settore e rappresentanti delle associazioni presenti in zona.

Confermatissimo ovviamente il “bravo presentatore” Marco Mazzucchelli, al cui fianco ci sarà una coppia di “vallette carciofine” che promette scintille.

Insomma, se proprio non sapevate che fare per evitarvi il festival di Sanremo, il 20 e 21 febbraio non vi resta che andare a Tovo, in frazione Bardino Nuovo, di fronte al Museo dell’Orologio da Torre.

4 Real – ” It’s Not Over “


A cura de Il Cala

Il tedio a morte del vivere in provincia, cantava il maestrone Guccini tanti anni fa in una canzone quasi d’amore e molto d’amarezza. Ma probabilmente all’epoca non c’era ancora quel fantastico antidepressivo che è il punk-rock, soprattutto in provincia. 

I 4 Real ci vivono in provincia, nell’entroterra di Savona, nelle profondità della Val Maremola, dove ci sono contadini accoglienti e alcuni personaggi eroici che cercano di stimolare ed incentivare la musica dal vivo ed originale. E quindi Sigogna, Mauri, David e Niki si ritrovano nel più classico dei garage ed iniziano a suonare assieme, uniti dall’amicizia e dall’amore per il punk degli anni 90: Green Day, Offsprings e compagnia. Ben presto, dopo essere andati a ritroso alle radici della loro musica preferita, decidono di giocarsi le loro carte fino in fondo ed iniziano a scrivere le loro canzoni. 

Le prime 5 finiscono su questo EP autoprodotto, dal beneaugurante titolo “It’s not over”, quasi ad avvisarci che li avremo tra i piedi per molto tempo ancora. I 5 pezzi parlano di loro, della loro vita, di come sia crescere lontano dalle luci della città, in un ambiente che rischia di soffocarti, senza concrete prospettive; quindi si parla di andarsene, pur commettendo sbagli, dove si perdono molte battaglie senza però perdere la speranza un giorno di vincere la guerra. Le prime delusioni, i primi amori, la vita di chi abbandona il dorato mondo dell’adolescenza e si scontra con una realtà dura, molto più dura di quanto pensasse. Il punk da sempre ha avuto questa funzione di rottura e di mancata sincronia con il presente, creando rifugio e sfogo per chi ci si tuffava dentro; ecco perchè i pezzi di questo EP suonano secchi, aggressivi, ma contengono un songwriting di buona qualità, con aperture melodiche inaspettate da un gruppo così giovane. Tra i brani, proprio in funzione di quanto appena detto, spicca la ballata “Devil’s Soul” che ricorda, con i dovuti distinguo, i Volbeat meno cattivi. 

I 4 Real rappresentano in maniera abbastanza fedele i loro coetanei dell’entroterra, che con impegno e sudore snobbano le facili attrazioni della riviera e si concentrano sulle loro doti, per svilupparle e migliorarle. 

https://www.facebook.com/pages/4-REAL/139157532767202

http://www.reverbnation.com/fourreal