…perchè Bardino è Bardino”: al via la 7° edizione del Rock Festival ligure


La copertina della 7° edizione del Bardino Festival

Per il settimo anno, la vera alternativa al festival di Sanremo, nella Valmaremola la organizza il Mulino degli Artisti!

È stato infatti da poco definito il cast della settima edizione di “Perchè Bardino è Bardino!”, rassegna dedicata ai gruppi musicali della zona, ormai vero e proprio punto di riferimento per la scena rock del ponente ligure e trampolino di lancio per diversi complessi. Nelle due serate, previste in concomitanza con Sanremo, giovedì 20 e venerdì 21 febbraio, presso la sede di Via Nari a Bardino Nuovo, il Mulino degli Artisti presenterà ben 8 gruppi che proporranno al pubblico in sala le loro composizioni rigorosamente originali.

Ecco i protagonisti:

GIOVEDI’ 20 FEBBRAIO: 4SIXTYFIVE, BRAIN LESS, ANNIE LA ROUGE MARSALA, AUDIOGRAFFITI

VENERDI’ 20 FEBBRAIO: PROGETTO SANTIAGO, 20 DROPOUT, FUSI ORARI, LONDON PRIDE

Ci teniamo molto al festival“, dichiara Silvano Rosso, ideatore e direttore artistico della rassegna, “perché vogliamo dare a chi non trova altri spazi, la possibilità di esibirsi in un contesto dove l’aspetto agonistico lascia sicuramente il passo alla voglia di confrontarsi, di conoscere nuove realtà e di mettersi in gioco come artisti.

Portare al Mulino 8 gruppi che al giorno d’oggi hanno ancora il coraggio di proporre musica propria e non limitarsi alle cover è una sfida rischiosa ma affascinante“, gli fa eco Alberto Calandriello, presidente dell’Associazione Culturale, “ma noi del Mulino siamo più che mai convinti della bontà di questa scelta, perché la creatività, la fantasia e i sogni dei musicisti che passeranno sul nostro palco meritano almeno una chance“.

La nostra associazione promuove ogni forma di cultura e di forma artistica, rendendosi disponibile a collaborare con chiunque abbia delle idee e cerchi un posto dove metterle in pratica. Si sente spesso dire in giro che dalle nostri parti mancano alternative valide per i giovani, ma noi crediamo di dimostrare il contrario, grazie anche alla collaborazione con diverse realtà del territorio, come i Giovani per Pietra e le Officine Creative, con le quali sta nascendo una sempre più proficua amicizia.”

La formula del festival prevede una votazione del pubblico ed una da parte di una giuria “di qualità”, che sarà formata da musicisti, esperti del settore e rappresentanti delle associazioni presenti in zona.

Confermatissimo ovviamente il “bravo presentatore” Marco Mazzucchelli, al cui fianco ci sarà una coppia di “vallette carciofine” che promette scintille.

Insomma, se proprio non sapevate che fare per evitarvi il festival di Sanremo, il 20 e 21 febbraio non vi resta che andare a Tovo, in frazione Bardino Nuovo, di fronte al Museo dell’Orologio da Torre.

Savona Alternativa: ecco i concerti italiani della settimana – I Blastema live@Soleluna Beach di Albissola Marina(SV) Sabato 12 Gennaio – Repubblica.it


 

Tanta musica italiana e gli Incognito: tutti i concerti della settimana - Repubblica.it

Tanta musica italiana e gli Incognito: tutti i concerti della settimana – Repubblica.it.

In occasione della ormai imminente “fine del mondo” Savona organizza feste e concerti a tema in rivera e nell’entroterra – savona.mentelocale.it


 

21 dicembre 2012, fine del mondo? Feste ed eventi in provincia di Savona

21 dicembre 2012, fine del mondo? Feste ed eventi in provincia di Savona.

Hope you’re fine blondie su Savona Alterntiva: recensione di una band con attitudine rock nel sangue ed Essenzialità con la E maiuscola


Gli HOPE YOU’RE FINE BLONDIE l’ attitudine al rock ce l’hanno. Eccome. Di questo duo trevigiano ci è subito piaciuto anche il nome! Formatosi nell’estate 2011 la band è composta da Paolo Forte, chitarra e voce Luca Ramones, drum e voice E’ un gruppo che  si basa sull’Essenzialità con la E maiuscola. E’ un’   emozione molto primordiale  quella che provo tuttora dopo l’ ascolto del loro lavoro: un prodotto ad ogni modo che  si distingue dalla marea di band anonime del Nord-est. Certo degli HOPE YOU’RE FINE BLONDIE si può discutere la qualità di alcuni pezzi ma  energia e sincerità non mancano mai o meglio dire: I ragazzi hanno le palle e ce le fanno sentire ((sarà un caso che anche la copertina del loro primo disco omonimo comincia dalla cintura in giù?…questa non pubblicatela ragazzi !!). Il disco è composto da sette brani sulla pagina web classificati come alternative-grunge. Ci è venuto subito il dubbio che invece del l’etichetta grunge forse sta per “garage”, sia per il sound che per la forma corta e non pretenziosa dei pezzi. Nel grunge è difficile dire quello che si ha da dire in due minuti e mezzo invece nel garage come nel punk meno di tre minuti sono la durata ideale di un espressione autentica. Non fatevi ingannare da quel leggero accenno nel vibrato del singer che ci porta per brevi istanti al Renga più inkazzato ( ai tempi dei Timoria!!) Un disco breve, intenso, gradevole quello dei HOPE YOU’RE FINE BLONDIE  che però non da l’impressione di essere cosi breve, quanto effettivamente è !!! Chi sa perché ?  Rifletteteci,,,,forse  gli HOPE YOU’RE FINE BLONDIE versione garage invece di questa attuale grunge ci sarebbe piaciuta ancora di più….da provare …Vi segnaleremo i loro concerti ad ogni modo !  Avanti,,,i prossimi…
(B.B.)
Il primo pezzo semplicemente chiamato “Uno” è  il  tipico brano garage. Comincia con un graffiante riffone che continua nelle due strofe « Cosa cerci non so … Non mi frego di quello che dici…».Forma compatta dall inizio alla fine  senza essere monotono.
 
 “MpG” – è alternative-grunge- e si sente dalle prime parole e dagli accordi  « E” solo ruggine … » dice il testo e   scovi grunge anche nella ritmica:ambientazione chitarristica sulla strofa e il ritornello che esplode con tanto di grunge-noise !!!
 
 “Perfetta” – il riff più bello e fantasioso del disco. Una semplice batteria  indie rock alla quale si uniscono una chitarra e il semplice clap delle mani. E quello che ci vuole ! Perfetta. Per far finire i due minuti di questo pezzo vengono scaraventati in un limbo ad alte frequenze ad libitum….
 
La quarta e quina traccia sono rispettivamente “Castore” e “Polluce”, due brani insoliti con una forma abbastanza eclettica, come il testo di Castore metà inglese e metà italiano, mentre invece Polluce è strumentale.
 
In ultimo, “Il Diavolo” e “HYFB”, i ragazzi dimostrano che non solo hanno le palle ma che sanno anche suonare….