Plateau Sigma – ” White Wings Of Nightmares “


By Andrea Galuzzi (Keep on Doom Metalling)

Nuovamente dalla mia camera cittadina in questa calda Domenica di Maggio, sono qui a scrivere una recensione che sinceramente mi ha messo davvero in difficoltà, perché una band come i Plateau Sigma non mi era mai capitata sotto mano.

I Plateau Sigma sono un progetto nato nel 2010 all’insegna del Doom e del Dark, rubacchiando qua e là nella formazione di un loro, funereo e personalissimo stile. Inutile parlare di influenze, diventerei prolisso e sarebbe un discorso quasi inutile, perché questi ragazzi hanno fatto qualcosa di esterno a ciò che le nostre orecchie (di metallari accaniti) hanno già sentito, e i più esperti converranno con me; se poi questa novità funzionerà ce lo diranno solo il tempo e il pubblico, ma nella mia modesta opinione di recensore mi sento magnetizzato dalle atmosfere evocate dal gruppo in questione.

Le atmosfere del loro primo demoWhite Wings Of Nightmares” (Titolo davvero d’impatto) sono a dir poco lugubri, e solo a questo proposito vorrei proporre un paragone eccellente: atmosfere così ben rese mi ricordano quelle di The Grand Conjuration degli Opeth, probabilmente la mia canzone Death Metal preferita; questo per trasmettere a voi che state leggendo questa recensione un chiaro segnale di quanto questi ragazzi si siano già spinti in avanti nella potenza emotiva dei loro brani. Passando ora ad un discorso più tecnico, ci vengono presentate due chitarre, entrambe molto solide, con la ritmica potentissima e davvero prepotentemente Death e la solista altrettanto grintosa, ma che di frequente ci delizia con delle frasi di sublime delicatezza Doom; il basso contribuisce in maniera determinante alla creazione delle atmosfere di poetica cupezza.

Un discorso a parte va fatto sia per la voce che per la batteria: in primo luogo, voglio fare i complimenti al batterista che gestisce con coscienza innata anche più cambi di ritmo all’interno dello stesso brano, creando così una base solidissima su cui gli altri strumenti possono agilmente appoggiarsi. 

Per le voci, come nella maggior parte dei casi, i Plateau Sigma ne presentano una melodica e una in Growl. Per la prima posso dire che è molto pertinente e regge bene queste atmosfere così difficili, ma devo muovere una critica: senza che nessuno me ne voglia, a volte la pronuncia inglese lascia a desiderare, quindi suggerirei una maggiore cura di questo aspetto non affatto secondario. Per la voce in Growl, invece, mi devo assolutamente inchinare, non tanto per la tecnica, di cui per altro non sono un esperto, ma per come viene sfruttato: la cadenza e lentezza che lo caratterizzano sono davvero uniche e particolari; hanno utilizzato il Growl in un modo che mi ricorda molto quello con cui Tom Waits utilizza la sua meravigliosa voce. 

Delle canzoni di White Wings Of Nightmares sono stato attratto dai pezzi che viravano maggiormente sul Doom che sul Death e credo che sia questa la strada che i Plateau Sigma debbano intraprendere, perché è ciò che più li caratterizza e In The Air, la prima canzone del demo è un chiaro esempio dell’innata predisposizione per tale genere. 

https://www.facebook.com/pages/Plateau-Sigma-/104328782974721

https://plateaumusic.bandpage.com/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...